Servizi Giuridici per l’Impresa (D.M. 509/99) [GISG]

Facoltà di GIURISPRUDENZA

Anno Accademico 2017/2018

Ordinamento SERVIZI GIURIDICI PER L’IMPRESA
Durata 3 Anni
Crediti 180
Tipo di Corso Corso di Laurea
 Normativa D.M. 509/1999
 Classe di Laurea 2 – Classe delle Lauree in scienze dei servizi giuridici
 Tipo di Accesso  Accesso Libero
Elenco Insegnamenti per Percorso/Curriculum comune – PDS0-2007 – Ord. 2007
Titolo di accesso Titolo di Scuola Superiore

Status professionale conferito dal titolo.

I laureati nel corso di laurea in servizi giuridici per l’impresa svolgeranno attività professionali, presso amministrazioni e imprese pubbliche e private e nel terzo settore, per le quali sia necessaria una specifica preparazione giuridica, con profili di operatore giuridico di impresa, di consulente del lavoro, di esperto in contrattualistica, nazionale e internazionale, di operatore giuridico informatico, di esperto di regolamentazione dei mercati e di esperto della gestione del personale d’azienda.

Le competenze linguistiche e informatiche che l’operatore giuridico d’impresa deve aver acquisito alla fine del percorso formativo consentono l’inserimento in quei settori delle aziende a elevato sviluppo telematico (e-commerce) dove è alto, al momento attuale, il gap tra domanda e offerta di lavoro.

Caratteristiche prova finale.

Per essere ammesso a sostenere lesame di laurea, lo studente dovrà aver superato l’accertamento con esito positivo dellattività didattica.
La prova finale per il conseguimento del titolo può consistere:

– nella discussione di una tesi attinente le materie del corso di laurea ed elaborata in modo originale sotto la supervisione di un docente e l’assistenza di uno o più tutori disciplinari, tra i quali almeno uno appartenente al corso di laurea;
– nell’esposizione di una relazione concernente le eventuali esperienze maturate in un periodo di tirocinio svolto presso enti, organizzazioni, aziende e amministrazioni, pubbliche e private, sotto la guida di un tutore aziendale e di un docente del corso di studio.

Nella valutazione della prova finale sarà presa in considerazione, oltre la qualità del lavoro svolto, la capacità di sintesi e la qualità della presentazione in forma scritta e orale delle attività svolte.

Conoscenze richieste per l’accesso.

Per accedere al corso di laurea in servizi giuridici per l’impresa sono richieste conoscenze di base in almeno uno dei seguenti ambiti disciplinari: storico, filosofico, economico, giuridico.

È inoltre da considerare particolarmente rilevante il possesso delle seguenti capacità e attitudini:

– capacità di esplicitare con chiarezza e precisione il proprio pensiero;
– capacità di trattamento delle informazioni e attitudini all’uso delle tecnologie informatiche;
– attitudine e motivazione per gli studi giuridici ed economici.

Le capacità, le attitudini e le motivazioni sono accertate attraverso la valutazione del curriculum scolastico precedente o con eventuali apposite prove.

Opportune prove di verifica delle conoscenze di base possono essere attivate per tutti gli studenti e, in particolare, per coloro che abbiano seguito un curriculum di scuola secondaria nel quale risultino lacune di particolare rilevanza per la loro preparazione. Se la valutazione della preparazione iniziale non dà esito positivo, lo studente può essere ammesso con lassegnazione di un debito formativo.

Allo scopo di limitare linsorgenza di debiti formativi, il Consiglio di corso di laurea può prevedere listituzione di attività formative propedeutiche da svolgere prima delleventuale prova di verifica. Tali attività possono anche essere svolte in collaborazione con istituti di istruzione secondaria superiore, sulla base di apposite convenzioni.

Obiettivi formativi specifici.

I laureati nel corso di laurea in servizi giuridici per l’impresa devono:

– possedere una solida preparazione culturale e giuridica di base;
– possedere una sicura conoscenza dei settori dell’ordinamento giuridico riguardanti le attività di impresa, con la connessa capacità di gestire la normativa ad essi pertinente;
– possedere una adeguata conoscenza delle tematiche economico-aziendali, statistiche, sociologiche e organizzative che consentono di offrire alle aziende, pubbliche e private, servizi inerenti all’attività esterna e alla organizzazione interna;
– saper utilizzare efficacemente, in forma scritta e orale, almeno una lingua dell’Unione europea, oltre l’italiano, nell’ambito specifico di competenza e per lo scambio di informazioni generali;
– possedere adeguate competenze per la comunicazione e la gestione dell’informazione anche con strumenti e metodi informatici e telematici.